Nessuno Resti Fuori

Nessuno Resti Fuori è un festival teatrale e non solo. Nasce dall’esigenza di raccontare la città e riflettere criticamente sulle trasformazioni che sta attraversando e che attraverserà nel prossimo futuro, verso l’appuntamento di Matera Capitale Europea della Cultura per 2019.

È un’ occasione per costruire una città APERTA, per essere protagonisti attivi della produzione culturale di questa città. Nessuno Resti Fuori è la fase finale del progetto Teatri Diffusi, un progetto di narrazione dei territori attraverso il teatro in Basilicata finanziato dalla Regione Basilicata all’interno dei programma di Visioni Urbane.

L’Ambulante è uno dei partner del festival e ha partecipato attivamente alla sua costruzione condividendo profondamente l’idea di andare oltre il teatro per costruire un evento in grado di far interagire diversi linguaggi artistici e culturali con la città.

Attraversando Matera in lungo e in largo, per conoscerne storie, memorie, glorie e vergogne passate e future, cercando di cogliere le sfumature di trasformazioni talvolta contraddittorie l’Ambulante si è occupato di realizzare dei laboratori video per ragazzi con i quali ha realizzato Video Racconti da Piccianello, il quartiere che ha ospitato il festival. Ha curato inoltre la realizzazione delle Incursioni cine-teatrali in giro per la città. Al festival e alla città ha portato il progetto VideoRitratti, realizzando nei mesi di costruzione del festival il mosaico di VideoRitratti da Matera. Si è occupato di coordinare l’identità visiva del festival.

Nessuno Resti Fuori è Ideato da IAC – Centro Arti Integrate di Matera. Partner: L’Albero, Melfi; L’Ambulante; Circus Next; Ideagorà; VisioniUrbane.

Video Racconti da Piccianello
VideoRacconti da Piccianello è un laboratorio condotto da L’Ambulante a Matera,nel Giugno 2016, insieme ad un gruppo di studenti della scuola elementare G.Marconi di Matera, nell’ambito delle attività preparatorie del festival Nessuno Resti Fuori che si è svolto a Matera dal 19 al 30 Luglio 2016.

Incursioni cine-teatrali
Per il Festival Nessuno Resti Fuori, l’Ambulante ha ideato una serie di azioni (Incursioni Cine-Teatrali) nei luoghi della città coinvolti durante il festival, portando il teatro e il cinema nelle strade, nelle piazze e nelle vie di Piccianello, il quartiere dove si sono svolte la maggior parte delle attività della prima edizione del festival.

Con: Nadia Casamassima, Antonio Lifranchi, Annamaria D’Adamo, Mariana Vizziello, Giuseppe Loisi, Maria Serena Laguardia.
Immagini e suoni: L’Ambulante
Musica finale: Piero Abitante
Racconto finale: Francesco Paolo Rubino

VideoRitratti da Matera
“Abbiamo esplorato Matera, cercando di conoscerla e comprenderla attraverso gli incontri che si sono succeduti nel tempo con i suoi abitanti. Abitanti stanziali, turisti, nuovi abitanti, vecchi abitanti ritornati in città per ricordare i luoghi della propria giovinezza. Ne abbiamo ripreso i volti in un guardarsi reciproco di qualche minuto. Abbiamo costruito una composizione filmica che prova a restituire la complessità e molteplicità delle tante Matera che in questo percorso abbiamo conosciuto.”
Volti e corpi, forme di vita che producono e agiscono spazi, teatro di atti di presenza e resistenza.
VideoRitratti da Matera è un cortometraggio, sviluppato  in quattro mesi attraverso diversi attraversamenti ed immersioni in alcuni quartieri della città. Il risultato, raccolta di un centinaio di volti e altrettanti luoghi, mostra una visione, un racconto e un particolare sguardo su questa città. Video Ritratti da Matera riflette criticamente sulle contraddizioni e le trasformazioni presenti e passate di un luogo che, in vari momenti della sua storia ha subito violenti cambiamenti, in cui i suoi abitanti hanno sofferto rotture e separazioni con il proprio modo di abitare e che ora si prepara ad un nuovo cambiamento diventando capitale europea della cultura.

Camera e montaggio: Gaetano Crivaro e Margherita Pisano
Suoni: Margherita Pisano
Canto: Nunzio Vincenzo Lafasanella
Musica finale: Piero Abitante
Racconto finale: Francesco Paolo Rubino