Cinebarrio

Cinebarrio is a roaming festival that brought cinema to different spaces of the Sant’Elia neighborhood in Cagliari in October 2018.

The project, curated by L’Ambulante and Urban Center Cagliari, is funded by Cineperiferie, a project promoted by MiBAC, Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie urbane, and Direzione Generale Cinema.

Cinebarrio addresses the issue of suburban landscapes through a cinematic thread composed by multiple perspectives and spaces that offers opportunities for dialogue and reflection about living in the periphery, be it geographical or human. These gazes provide different outlooks on life in difficult environments or in times of radical changes; or, more broadly, understand the human dimension in relation to complex geographic or physical aspects.
Along with the screening of one or more films, the daily program included actions of territorial animation, curated and created by artists from the hOMe network.

 

Program:
October 5th, oratorio Sant’Elia, via Sant’Elia, h 19,30
Happy Winter (Italy, 2017, 91 min) by Giovanni Totaro

October 12th, scuola Nanni Loy, via Schiavazzi, h 19,30
in collaboration with CPIA 1 Cagliari
Le case che eravamo (Italy, 2018,18 min) by Arianna Lodeserto
Aperti al Pubblico (Italy, 2017,60 min) by Silvia Bellotti

October 19th, oratorio Sant’Elia, via Sant’Elia, h 19,30
in collaboration with Terre di Confine Film Festival
Los Colores de la Montaña (Colombia, 2011, 94 min) by Carlos César Arbeláez

October 26th, scuola Nanni Loy, via Schiavazzi, ore 19,30
in collaboration with CPIA 1 Cagliari
ESTIU 1993 (Spain, 2017, 93 min) by Carla Simón

Cinebarrio

Cinebarrio è una rassegna itinerante che, nel mese di ottobre 2019, ha portato il cinema in diversi luoghi del quartiere Sant’Elia a Cagliari.

Il progetto, a cura de L’Ambulante e Urban Center Cagliari, è finanziato da Cineperiferie progetto promosso dal MiBAC, Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie urbane e Direzione Generale Cinema.

Cinebarrio affronta il tema del paesaggio periferico seguendo un fil rouge cinematografico fatto di una molteplicità di sguardi e spazi, per offrire occasioni di dialogo e riflessione sull’abitare la periferia sia essa umana o geografica. Sguardi intesi come punti di vista sul vivere in contesti difficili e dentro cambiamenti importanti; o, in senso ampio, comprendendo la dimensione umana insieme ad una dimensione sfaccettata del dato geografico o fisico. Ognuna delle giornate prevede azioni di animazione territoriale, curate e realizzate da artisti del network hOMe, e la proiezione di uno o più film.

 

Programmazione:
5 ottobre, oratorio Sant’Elia, via Sant’Elia, ore 19,30
Happy Winter (Italia, 2017, 91 min) di Giovanni Totaro

12 ottobre, scuola Nanni Loy, via Schiavazzi, ore 19,30
in collaborazione con CPIA 1 Cagliari
Le case che eravamo (Italia, 2018,18 min) di Arianna Lodeserto
Aperti al Pubblico (Italia, 2017,60 min) di Silvia Bellotti

19 ottobre, oratorio Sant’Elia, via Sant’Elia, ore 19,30
in collaborazione con Terre di Confine Film Festival
Los Colores de la Montaña (Colombia, 2011, 94 min) di Carlos César Arbeláez

26 Ottobre, scuola Nanni Loy, via Schiavazzi, ore 19,30
in collaborazione con CPIA 1 Cagliari
ESTIU 1993 (Spagna, 2017, 93 min) Di Carla Simón